Magazine del 26/08/2011

Il 2009
non vi Ŕ
bastato?

Caro tifosotto, hai la memoria corta?

Caro tifosotto hai la memoria corta? Non ti ricordi il 2009, l'anno in cui sputasti addosso alla dirigenza pi¨ vincente della storia, al presidente e ai giocatori, difendendo a spada tratta un uomo senza vergogna e piglio, una bandieruola ammaestrata di nome Leonardo?
Eppure a quel tempo, quando ancora non conoscevi che uomo di poca virt¨ fosse il Leonardo, non perdevi momento ad incensarlo, a definirlo un grande uomo che avrebbe dovuto "sfanculare" Berlusconi e andarsene in punta di piedi, perchŔ il malvagio Cavaliere gli aveva dato in mano un squadra orribile conseguenza di una campagna acquisti tremenda, culminata nella cessione di KakÓ.
KakÓ si proprio lui, la grande anima, quello che and˛ via senza un saluto, quello che si affacciava alle finestre mentre noi sotto si prendeva la neve di gennaio, e nel frattempo ci perculava non accettando il City solo per smania di Real.
Il malvagio Silvio aveva venduto la bandiera KakÓ, quello che un giorno diceva di voler diventare capitano e l'altro ammiccava col Real, quello che all'aeroporto diceva che era il Milan a dover decidere e che lui sarebbe rimasto perchŔ il Milan era una parte del proprio cuore (certo, certo, con l'accordo firmato col Real ad aprile)
Eppure il fronte KakÓ era coeso, il Milan di Silvio Berlusconi finito, i tifosi tutti traditi; non c'era spazio a nessuna altra interpretazione, anche chi si batteva per spiegare le ragioni della cessione veniva offeso e poco considerato. Quando uno ha torto a prescindere, non c'Ŕ difesa che tenga. C'Ŕ persino chi ha disboscato una foresta per stampare mail da portare a Madrid.
Il tifosotto caldeggiato dai signorotti prezzolati dell'informazione - quelli che non hanno speso una virgola o una parola (se non quando era troppo evidente per nasconderlo) sull'affare Fabregas, ma inchiostro e voce a volontÓ su Hamsik - ora si sente in dovere di attaccare nuovamente la dirigenza, rea di voler riportare la grande anima nella grande famiglia.


Ma come 2 anni fa gli stessi dirigenti avevano ammazzato il Milan e ora che ce lo riportano sono dei "pagliacci, farabutti e mistificatori"? Queste sono le parole pi¨ frequenti nei commenti su molti blog che vanno per la maggiore.
Caro tifosotto ma un po' di coerenza non farebbe bene ogni tanto?
Vivere sul filo dell'ipocrisia solo ed esclusivamente per partito preso, antiberlusconismo o invidia che utilitÓ porta?
Ma tu non sei quello che "Il Milan siamo noi, Il Milan prima di tutto, Il Milan Ŕ la maglia e si tifa indipendentemente da chi la indossi"?
E invece continui ad insultare Seedorf, giocatore inenarrabile, il pi¨ forte centrocampista degli ultimi 20 anni, da sempre cardine e fulcro di ogni nostra vittoria.
E quante ne hai dette dietro a Ignazio, uno che adesso davanti ha solo Maicon e Dani Alves.
E tutta questa smania di mercato quando partiva Collovati per Serena, Canuti e Pasinato dove l'avevi? Ah giÓ sei troppo giovane... Beh forse allora ti ricorderai dei 3 bidorange, Bogarde-Reiziger-Kluivert che ti fomentavano talmente tanto da esser giÓ campioni ad agosto come i nostri dirimpettai di Naviglio.
E invece ora, dopo aver preso nell'arco degli ultimo 8 mesi, Cassano, Emanuelson, Van Bommel, El Sharaawy, Mexes, Taiwo, Aquilani, riesci a dire che non abbiamo fatto mercato... E poi, i ragazzi della nuova Primavera non sai neanche chi siano e quanto li abbiamo pagati, vero?
Ma il top lo raggiungi quando adesso dici che "Aquilani Ŕ sempre rotto", un pacco della Juve che l'anno scorso non ha mai giocato.
33 presenze, 33 presenze, 33 presenze.
Caro tifosotto, forse un po' di Duina (sai almeno chi Ŕ?) non ti farebbe male: riscopriresti il gusto della sofferenza, dell'amore per la maglia e non per quello che Ŕ contorno: giocatori, mercato, societÓ. E vittorie.
Buon campionato.
PS: ti ricordo che siamo Campioni e Supercampioni d'Italia. Forse, troppo preso dal cercare critiche da esternare, ti pu˛ essere sfuggito.



Filippo Pupo Monaco


(c) Milan 7 - il settimanale dei tifosi rossoneri - www.milan7.it