Milan7: il settimanale rossonero     Giu le mani da Zeta       Discuti l'articolo      HOME

SOMMARIO

Magazine del 09/03/2012.



Giu le
mani da
Zeta

La favola dello svedese non decisivo in Europa ha stufato

- Leggilo in formato accessibile




I'm zlataning. Quante volte Ŕ apparsa negli ultimi due anni questa frase negli stati dei vostri social network?
La stagione che sta disputando il gigante di Malmoe Ŕ forse la migliore della sua carriera, tantissime reti e la consapevolezza di poter decidere le partite quando decide lui. In Italia. E in Europa?
A detta nostra anche, a detta dei giornalai e dei suoi detrattori no. Entri nei bar, leggi due giornali, guardi due social network e la sentenza Ŕ sempre la stessa: Ibra in Europa sparisce e non Ŕ decisivo. Poche, pochissime le voci fuori dal coro alzatesi in sua difesa, ma Ibra merita rispetto.
Nel match di ritorno con i gunners di Wenger, Ibra ha disputato un primo tempo di basso livello, come tutto il resto della squadra ma nella ripresa ha disputato un buon secondo tempo, cercando di far salire i suoi compagni e orchestrando diversi contropiedi interessanti. Il solito Zlatan. Non decide le partite importanti. PerchŔ allora nella partita di andata, con un 9 in pagella, un gol e due assist ed una prestazione straripante, nessuno ha parlato? Prostituzione intellettuale direbbe il vate di Setubal.
Una delle cose piu fastidiose, Ŕ sentire che le critiche arrivano da tifosi e addetti del settore, esterni alla societÓ rossonera, unita a difesa del proprio gigante, forse perchŔ sarÓ come la volpe con l'uva: dovendosi accontentare di un Matri o un Pazzini qualsiasi, tendono a sminuire le doti dello svedese per farsi passare i bruciori di stomaco.
You zlataned. We zlataning. Il resto Ŕ aria fritta. Non Ŕ decisivo e senza di lui giochiamo meglio. La sagra del luogo comune Ŕ appena agli inizi.

Federico Albert






Discuti anche tu questo articolo con gli altri tifosi rossoneri!


CLICCA SU E FACCI SAPERE COSA NE PENSI TU!





Entra subito in Milan 7 Football Club, un'unica grande discussione intorno alla nostra squadra: il Milan!



Stampa l'articolo