Il pregiudizio dell'UEFA Forse anche la proprietà del Milan inizia a porsi qualche domanda

01/10/2021

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

Se anche Gordon Singer, solitamente molto silenzioso, parco nelle espressioni e mai portato alle polemiche arbitrali, ha scelto di affidare ad una battuta il tema arbitrale emerso dalla gara di martedì del Milan in Champions, vuol dire che anche ai piani alti qualche conto inizia a non tornare.
Il Milan, per volontà della proprietà e della società, nella scorsa stagione ha sempre avuto un profilo estremamente basso sugli arbitri, esposto non a caso ad una serie di polemiche e di contestazioni da parte dei suoi tifosi che, in alcuni casi, avrebbero preferito un club più presente e meno ombroso sul piano mediatico.
Sbagliare fa parte del gioco, certamente ma questa tautologia si scontra con i dati reali. Il rigore concesso dall’arbitro turco nella serata di martedì poteva anche essere un abbaglio tollerabile in presa diretta; non si può accettare invece l’errore con lo strumento VAR a disposizione della squadra arbitrale.
Il tocco di mano di Lemar è evidente e precedere quello successivamente indotto di Kalulu. Il caso non era e non poteva essere interpretabile perché la giocata che determina il tocco di mano del difensore rossonero è del centrocampista dell’Atletico Madrid ed è effettuata in maniera evidente con l’ausilio di un braccio. Pertanto era punizione in favore del Milan, senza troppe discussioni ed in barba alle visioni celestiali dell’arbitro Cakir.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

In seno alla proprietà milanista nessuno è stupido ed i conti iniziano a farseli tutti.
Marzo 2018, il Milan viene eliminato dall’Arsenal in Europa League per un calcio di rigore inesistente causato da un tuffo olimpionico di Welbeck.
Dicembre 2018, Milan eliminato dall’Olympiakos in Europa League con un calcio di rigore inesistente, commesso per un presunto fallo di Abate. Giugno 2019, il Milan non può partecipare all’Europa League (guadagnata sul campo) per una sorta di accordo con l’UEFA atto a sanare le violazioni sul FPF.
Marzo 2021, il Milan viene eliminato agli ottavi di finale dell’Europa League a causa di un gol inspiegabilmente annullato a Kessiè nella gara d’andata. Quanto avvenuto tre giorni fa poi è cronaca recente. Se tre indizi fanno una prova, cinque indizi fanno un macigno. Il pregiudizio dell’UEFA contro il Milan non può essere più soltanto un sospetto.

Capitan Uncino



Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Tra ritardi di condizione e infortuni



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs