Napoli-Milan: presentazione della partita Una cosa è certa: andiamo al San Paolo per vincere

20/11/2020

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

Domenica al San Paolo il Milan scenderà in campo contro la squadra di Rino Gattuso. Per i tifosi non sarà facile tifare contro l’ex numero 8 che tante soddisfazioni ci ha dato come calciatore, e che come allenatore ci ha portato a un tempo dalla qualificazione in Europa.
Però, a differenza del Milan di Rino, quella di Pioli è una squadra che entra in campo per vincere. E questo è un cambio di mentalità non da poco, visto che quando in panchina c’era il nostro grande ex centrocampista era la fase difensiva ad esser privilegiata. Probabilmente questo era dettato anche dagli uomini a disposizione, visto che molti di loro non indossano più la maglia rossonera.
Al San Paolo scenderanno in campo due squadre al vertice della classifica, e il Napoli sarebbe al secondo posto al pari del Sassuolo senza la penalizzazione. Scontro quindi al vertice, come avrebbero detto i cornisti di una volta.
Ai partenopei mancheranno sicuramente Oshimen, Hisaj, Ospina, Rhamani e quasi sicuramente Bakayoko, alle prese con Covid o con infortuni di ritorno dalle nazionali. E’ toccato già anche a noi, ed è un tributo pesante.
Ciò non toglie molto al valore della squadra, che comunque gioca bene e che al San Paolo – per quanto vuoto – si è sempre fatta valere, sia in campionato sia in coppa.
Al di là delle assenze, Gattuso dovrebbe schierare una formazione di tutto rispetto, con Meret tra i pali; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly e Mario Rui in difesa.
A centrocampo Fabian Ruiz e Demme (Bakayoko).


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

Alle spalle di Insigne il tridente Elmas, Lozano e Mertens.
In panchina ci saranno Contini, Ghoulam, Maksimovic, Lobotka, Malcuit, Zielinski, Politano, ed il nostro ex Petagna.
Sulla panchina del Milan, stante la positività al coronavirus di Pioli, debutterà Bonera, alla sua prima esperienza. Appare abbastanza chiaro che sul campo avrà ancora più peso la figura di Ibrahimivic, che probabilmente si prodigherà ancora di più a livello vocale e di indicazioni verso i compagni. Un inedito ruolo di allenatore-giocatore che ben gli si addice.
Il Milan dovrebbe schierare Donnarumma in porta; solita difesa a quattro con Calabria, Kjaer, Romagnoli e Theo Hernandez.
A centrocampo il solito duo Bennacer e Kessie.
In attacco Saelemaekers, Calhanoglu e Castillejo a cercare di mettere in moto Ibrahimovic. Al posto di Castillejo potrebbe giocare Rebic invertendo la fascia con il belga, ma l’infortunio di Leao crediamo che limiti questa ipotesi, che potrebbe prender atto nel secondo tempo.
Bonera in panchina avrà a disposizione Conti, Dalot, Gabbia, Duarte, Tonali, Krunic, Brahim Diaz, Hauge e Rebic.
Con questo Milan nulla è impossibile.
FVCR

 


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Esame Napoli: core grato e core 'ngrato!



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs