Le vedove di Locatelli Il giocatore sembra essere il grande rimpianto rossonero, ma...

20/11/2020

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

Manuel Locatelli è stato un grande prospetto delle giovanili del Milan.
Approdato alla prima squadra, non ha mai messo in mostra le proprie qualità, è sempre stato acerbo.
Gennaro Gattuso, ma anche Vincenzo Montella, non hanno mai visto in lui i prodromi del padrone del centrocampo.
Le voci intorno al giocatore in casa rossonera sono sempre state univoche.
Detto questo, nel momento in cui arrivava Marco Gianpaolo e Maldini e Leonardo dovevano monetizzare per cambiare la rosa, si è preferito monetizzare il ragazzo.
All'epoca, estate 2019, 12.5 milioni di euro erano una cifra enorme e quindi si è voluto sacrificare Manuel.
Dopo una buona stagione a Sassuolo e qualche partita in nazionale, il prezzo del cartellino è lievitato, le prestazioni sembrano incoraggianti e a qualcuno sorge il dubbio di aver sbagliato.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

In realtà non è stato un errore, è stata una necessità, anche perché al Milan Locatelli non ha mai mostrato grandi doti.
E' un po' come dire che il Milan ha sbagliato a vendere Shevchenko o Kakà, è chiaro che ci può essere il rimpianto, ma se da un lato il paragone per ora non si può fare, sebbene si possa augurare a Manuel di vincere il Pallone d'Oro, dall'altro non si può sapere cosa sarebbe accaduto perché sono le condizioni a contorno che determinano un giocatore.
Siamo sicuri che con Calhanoglu, Kessie e Bennacer Locatelli sarebbe titolare nel Milan di Pioli?

 


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Quella premiazione di Gazidis a Ibra non ci è piaciuta



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs