Tonali: un acquisto da Milan Scippato all’Inter e ad altri: come ai vecchi tempi

11/09/2020

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

Sandro Tonali ha fatto le visite mediche ed è ufficialmente un giocatore del Milan. E’ un giovane, di sicuro talento, e il fatto che adesso indossi la maglia rossonera non era affatto scontato fino a pochi giorni fa. Anzi.
Abbiamo passato tutta la Fase 2, ma anche prima, a leggere e sentire dai media che il gioiellino del Brescia prima doveva andare alla Juventus, e poi che era già all’Inter, con tanto di accordi già presi tra le società.
Invece, la vicenda ricorda tanto quella dello sfortunato Lentini prima e di Donadoni poi: il Milan fa il blitz e il giocatore arriva a Milanello.
Dai tempi del primo Milan di Berlusconi sembra passata un’eternità, e negli ultimi anni – diciamo dalla vendita di Thiago Silva e Ibra in poi – praticamente mai l’abbiamo spuntata per un giocatore se le contendenti erano Juventus, Inter, Roma e persino Napoli o Lazio. E anche giustamente: i giocatori vogliono andare dove c’è una società, un progetto, la partecipazione alle coppe europee, oltre che mirare solo allo stipendio.
Certo, Sandro è milanista e secondo Cellino è stata anche una questione di cuore. Ma che goduria soffiare un giovane nazionale ai cuginastri! Quelli che spendono e spandono e hanno l’allenatore isterico perennemente lacrimante…
Siamo anche convinti che se però non avesse visto nel Milan un progetto per il futuro, una squadra in cui crescere e anche vincere qualcosa, Tonali difficilmente sarebbe arrivato. E un bravo anche al Fondo Elliott che ha avallato una spesa, per quanto diluita nel tempo, decisamente importante.
E’ un altro segnale che il Milan sta tornando.



Libro per veri tifosi rossoneri

2.99


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
San Siro non è il Rigamonti



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs