Castillejo: da vice Suso a inamovibile Arrivato con molte perplessità si sta rivelando molto utile

26/06/2020

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

Ad agosto 2018 quando dal Villareal sbarcò a Milanello Samuel Castillejo Azuaga, detto Samu, era un oggetto misterioso per tutti. Ala destra, con forte propensione al dribbling, sembrava il clone di Suso, ma meno forte.
Col passare del tempo, e con la cessione di Suso, invece il nativo di Malaga si è ritagliato uno spazio importante nel Milan di Pioli.
Da gennaio in poi il suo rendimento è cresciuto nettamente e con l’alter ego Rebic a sinistra, rappresenta uno dei punti di forza della squadra.
Samu è cresciuto dal punto di vista tattico e nella fase di recupero, risultando spesso decisivo grazie anche alla sua notevole velocità. Una velocità che Suso non aveva e che lo rendeva quasi nullo in fase di copertura.
Lingue malevoli sussurrano che dietro la squalifica per la gara di Torino contro la Juventus ci sia stato quel primo tempo da favola giocato a San Siro…
Ma parliamo di fatti. Anche contro il Lecce è risultato decisivo, sicuramente per il gol che ha sbloccato il risultato, ma anche con tanta corsa e tanto gioco.
Non ha il tiro caratteristico di Suso, ma è anche vero che a differenza del suo ex rivale per la maglia, gioca molto di più per i compagni e la manovra ne trae giovamento.
E’ un 95, quindi un giocatore non più giovanissimo ma nel pieno della sua carriera. Visti atteggiamento e risultati può ancora dare parecchie soddisfazioni in questo strano finale di campionato.



Libro per veri tifosi rossoneri

2.99


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Inizia un ciclo di fuoco



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs