Grazie Pepe, ma quanto ci costavi! Ha fatto crescere Donnarumma come uomo e come portiere

10/01/2020

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

La rescissione del contratto di Pepe Reina suscita due tipi di reazione. La prima, lato umano, di gratitudine. Ha fatto da chioccia a Gigio, che è cresciuto dal punto di vista della personalità e anche della professionalità.
Grazie anche allo spagnolo Donnarumma ha corretto alcuni suoi errori tecnici, ha assunto più un atteggiamento da leader e ha raggiunto la maglia da titolare della nazionale. A 20 anni oggi è molto più sicuro grazie anche ai suggerimenti di Pepe, che non ha mai smesso di incitare lui e i suoi compagni, quasi come un allenatore aggiunto. E quando è stato chiamato in causa ha risposto sempre presente da par suo.
La seconda è molto più venale e riguarda il contratto. Reina aveva firmato fino al 2021 per 3,5 milioni netti all’anno. Una cifra assurda per un portiere, per di più di quell’età e panchinaro.
Con tutta la simpatia che si può avere, andrebbe perseguito chi gli ha sottoposto un simile accordo. Poi, vale il detto che quando ti offrono i soldi, meglio prenderli. Ma anche questo stipendio è uno dei fattori che contribuiscono al profondo rosso del bilancio del Milan.
Francamente una cifra senza senso, che non viene corrisposta al 90% dei portieri in Europa.
Adesso si aprono le porte di una nuova avventura all’Aston Villa e siamo contenti per lui poiché andrà a giocare.
Alla sua età l’entusiasmo è ancora la cosa più importante.



Libro per veri tifosi rossoneri

2.99


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
La scheda dell’arbitro Abisso



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs