La società deve farsi sentire Cari Leo e Maldini dare tranquillità alla squadra ora tocca a voi

05/04/2019

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

Le ultime partite hanno visto squadra e allenatore in difficoltà. Fino a due minuti dal fischio di inizio della partita contro l’Inter eravamo al terzo posto in classifica, con la possibilità di mettere una seria ipoteca sulla qualificazione alla Champions League.
Venivamo da un filotto di partite vincenti che, pur evidenziando limiti nel gioco, avevano creato un enorme entusiasmo nella squadra e nei tifosi.
Il gol di Vecino in apertura ha di fatto messo in crisi la squadra, togliendole identità e compattezza.
La sconfitta nel derby è come se avesse tolto forze e certezze al Milan. Lo si è visto contro la Sampdoria e poi contro l’Udinese. E poi le parole e l’atteggiamento di Gattuso ci hanno messo il carico.
La società ha brillato per assenza e siamo alla vigilia della partita contro la Juventus, non certo una gara dalla nostra parte.
Squadra e allenatore hanno bisogno di essere tranquillizzate, di qualcuno della società che lavori per riportare serenità in un ambiente che sembra proprio averlo smarrito.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

Leonardo e Maldini, per ruolo ed esperienza dovrebbero agire per riportare la tranquillità.
Parlare con allenatore e giocatori, rilasciare dichiarazioni distensive ai media, far vedere che il loro ruolo (direzione sportiva) è anche mantenere la calma e non far buttare alle ortiche una stagione che sembrava essersi mesa al meglio.
Se ci sono malumori, tensioni o incomprensioni, è anche loro compito appianare simili questioni.
Grazie anche ad alcuni risultati insperabilmente favorevoli abbiamo ancora la possibilità concreta di agguantare l’Europa che conta e giocarci la finale di Coppa Italia con qualche chance in più del solito, visto che non ci sarà la Juventus.
Quindi, sarebbe opportuno che il duo dinamico si dia una mossa per il bene della società. Che facciano capire a tutti che devono pensare solamente all’obiettivo finale e rimanere concentrati.
Per ripicche e vendette ci sarà tempo da giugno.

 


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Juventus-Milan: cosa cambia rispetto all’andata?



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs