Dazn e Sky, le polemiche e le scuse (forse) Il gol di Piatek era regolare, ma hanno parlato per ore di fallo!

15/03/2019

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

______

Dazn e Sky hanno regalato ai propri abbonati scapoli di televisione spazzatura in una maniera ideologica, nonché ignobile.
Il motivo del contendere è stato il gol di Piatek, considerato da annullare in quanto falloso.
Secondo entrambe le piattaforme a pagamento e che pagano per i diritti delle partite, il giocatore polacco aveva fatto fallo, mostrando e rimostrando le immagini per testimoniare che il gol fosse da annullare.
Come se non bastasse, hanno dato risalto anche alle lamentele di Di Carlo, che pretenderebbe solo "il nostro".
Sommossa social dei tifosi rossoneri che, non essendo ciechi, ravvedevano gli estremi per un rigore a favore dei rossoneri nella medesima azione, piuttosto che un fallo del nostro giocatore.
Riassumiamo il fatto.
Piatek effettua una rovesciata e viene in contatto con il difensore del Chievo De Paoli, che però è alle spalle del rossonero. Fallo, gioco pericoloso. Peccato che il difensore toccasse con mano la palla, annullando di conseguenza la possibilità di gioco pericoloso nonché provocando un'azione punibile con un calcio di rigore (ed ammonizione).
Infinite le proteste, il processo con rito immediato all'arbitro Pairetto, con tanto di condanna per direttissima al ritorno alla Can B per manifesta incapacità.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

Il fatto più incredibile, nonché increscioso, non è che nessuno si sia accorto dell'accaduto, accecati da un anti milanesismo latente, e nemmeno per l'impostazione del tutto ideologica della questione, quanto per le parole di scuse che sono state pronunciate dall'opinionista di Sky Paolo Condò, uno dei principali accusatori di Pairetto.
“Quando la partita non è ‘nostra’ non abbiamo accesso a tutte le immagini, ieri quest’angolazione non l’ho vista. Così le cose cambiano, delle due infrazioni è più grave il fallo di mano e quindi il gol è stato giustamente convalidato. Mi scuso per l’errore“.
Ma i tifosi milanisti avevano visto, postavano compulsivamente sui social che c'era un fallo, eppure niente, nessuno ha visto.
"Le immagini non sono nostre" non è accettabile, non erano nemmeno dei tifosi, ma senza essere accecati dal tifo, semplicemente guardavano la scena.
Complimenti.
 


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
La scheda dell’arbitro Guida



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs