Recuperare Bakayoko Il mantra tra i collaboratori di Mister Gattuso è questo

14/09/2018

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

Bakayoko al Monaco era uno di quei giocatori che tutti quanti avrebbero voluto vedere nella propria squadra.
Determinato, di qualità, strapotere fisico e velocità di pensiero.
Al Chelsea ha faticato a mettere in mostra tutte queste qualità tutte insieme, ma almeno su qualcuna si poteva fare affidamento.
Al Milan in tanti, critici e tifosi, l'hanno subito bocciato dopo la prestazione opaca di Napoli.
Effettivamente è risultato impacciato in più di un'occasione, ha faticato nel contenimento e non ha proposto giocate di qualità, ma era la prima volta, il Milan era sulle gambe, demoralizzato per il gol subito, mentre gli avversari erano euforici.
Giudicarlo dopo quella mezz'ora è ingeneroso, per lui e per chi ha creduto in lui, perché non merita di essere accantonato alla prima occasione.
Anzi, è uno di quei giocatori che può fare la differenza nel gruppo di partite che il Milan dovrà affrontare nei prossimi giorni.
Impegni difficili, ma non impossibili, dove le qualità varranno parecchio, ma anche dove l'esperienza giocherà un ruolo pesante.
A Milanello lo staff è concentrato nel portare il ragazzo nelle condizioni migliori e nel fargli apprendere i dettami tattici nel minor tempo possibile.
Non è un patrimonio del Milan attuale, visto il prestito, ma lo potrebbe diventare e comunque una freccia di tutto rispetto nell'arco delle opportunità a disposizione del Mister.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
La scheda dell’arbitro Abisso



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs