Dudelange-Milan: presentazione della partita Una gara da non sottovalutare e sfruttare al massimo

14/09/2018

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

Per l’esordio in Europa League il Milan volerà in Lussemburgo, dove incontrerà l’F91 Dudelangegiovedì 20 settembre alle ore 21:00. Questo team semisconosciuto è nato nel 1991 dalla fusione per difficoltà economiche di tre club: l’Alliance Dudelange, lo Stade Dudelange e il US Dudelange.
Il suo campo è lo Stade Jos Nosbaum, dalla ridicola capienza di 3.850 posti e la sua media spettatori è di circa 2.000 persone.
La squadra, guidata dall’ex attaccante tedesco Dino Toppmoeller, è la prima formazione del granducato a qualificarsi per la fase a gironi di una competizione Uefa.
Per arrivare qui è stato eliminato dalle qualificazioni della Champions League dal Vidi FC (1-1 e 2-1), e ha a sua volta poi eliminato gli svedesi del KF Drita (2-1 e 1-1), i polacchi del Legia Varsavia (1-2 e 2-2), e infine i rumeni del CFR Cluj (2-0 e 2-3).
Una stagione cominciata quindi ai primi di luglio e che mette in campo una formazione già ben rodata, che però nel suo campionato su tre partite ha vinto solo la prima, pareggiato la seconda e perso l’ultima in casa.
Leonardo ha affermato che “Ci sono molti tifosi rossoneri in Lussemburgo. E’ una squadra che si conosce e non è facile giocarci contro”. Sicuramente pretattica, poiché i Lussemburghesi sono poco più che dilettanti, pur avendo 23 stranieri su una rosa di 33 giocatori.
Le partite fin qui disputate nel torneo indicano però che sono una squadra che crea occasioni da gol e che ha segnato in ogni gara, fattore da non sottovalutare.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

Non ci sono giocatori di interesse internazionale, pur potendone vantare 4 nel giro della nazionale lussemburghese.
Il Milan non dovrebbe prendere alla leggera questo impegno per alcuni motivi. In un girone con il Real Betis e Olympiakos, alla fine potrebbe esser fondamentale la differenza reti, oltre che la semplice classifica. Ed essendo gli stadi spagnolo e greco particolarmente “caldi”, difficilmente è ipotizzabile una vittoria con molti gol da quelle parti. Inoltre, dal momento che Gattuso ha dichiarato che i nuovi giocatori della gestione Elliott sarebbero stati inseriti gradualmente (Higuain escluso), questo genere di partite sono proprio perfette per vedere in campo i nuovi arrivati. Occasioni come quella in Lussemburgo vanno sfruttate al massimo per migliorare il loro inserimento. E anche per far fare esperienza internazionale a chi non ne ha o ne ha poca.
Non sarà certo in partite come quelle che ci aspettano in campionato, come l’Atalanta la domenica dopo, che consentiranno gli esperimenti.

 


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Questione AD: fate presto!



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs