Atalanta - Milan: il prepartita La partita di domenica potrebbe dire molto sul futuro del Milan

11/05/2018

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

Rientrati da Roma dopo aver preso "quattro legnate nei denti" come dice il Mister, il Milan deve riuscire a portare a casa il risultato contro la Dea.
Impresa non semplice, vuoi per le scorie dell'apparizione romana, voi per la consistenza dell'avversario.
Affrontare l'Atalanta a Bergamo non è mai semplice, il clima non è mai idilliaco e il Gasp ha la tendenza a far partire la propria squadra a mille.
Riusciranno i nostri eroi a fare quel punticino utile a tenere dietro gli orobici?
Facciamo qualche considerazione di merito.
Prima di tutto, loro vantano in attacco un giovane peperino davvero incontenibile, la "bfreccia" Barrow, tanto entusiasmo e la voglia di giocare in Europa per il secondo anno consecutivo.
Sono difficili da contenere quando spiegano il contropiede e sono molto attenti nel chiudere ogni passaggio possibile.
La seconda considerazione riguarda Gasperini: è squalificato. Non sarà quindi il condottiero in campo, sarà defilato, farà arrivare i messaggi, ma non sarà lì. Considerando che questa è una squadra che è proprio l'immagine del mister, è un particolare importante.
La terza riguarda la forza dell'Atalanta: per quanto in forma possa essere, per quanto siano più freschi, per quanto il Milan abbia subìto la sconfitta in finale di Coppa Italia, non è la Juve.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

La quarta è la determinazione della società e di mister Gattuso: non si può fallire l'obiettivo europeo. Serve rabbia, determinazione e anche, nel caso, un pizzico di fortuna. Non è possibile farsi calare il poker come a Roma senza reagire a dovere.
Se il buon Rino aveva deciso il ritiro dopo la sconfitta contro il Benevento, come minimo arriverà alla fine di domenica pomeriggio con le occhiaie alla ginocchia per mancanza di sonno. Non si può accettare una lezione simile senza portarsi dietro qualche scoria ed è normale, umano e comprensibile per chi è stato vincente e convincente, cercare subito una rivincita con tutta la rabbia possibile.
Il punto però, è un altro: con quale stato d'animo arriveranno i tifosi rossoneri alla partita? Che cosa si aspettano davvero?

E soprattutto, giungiamo alla domanda delle domande:
se domenica il Milan vincesse a Bergamo, come si deve considerare la stagione?
 


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
E adesso si rischia



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs