4-5-1: il modulo per la ricerca dell'equilibrio Prove tecniche di cambio di modulo, prima di tutto difensivo

12/01/2018

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

Rino Gattuso ha dato una priorità importante a questo Milan: evitare di prendere gol.
I primi esperimenti dopo un mese di panchina e con la prova tecnica durante il derby di Coppa Italia.
Già contro l'Atalanta si era compreso che a livello difensivo la squadra si schiera con un centrocampo a 5, con tre centrocampisti disposti in modo molto ravvicinato e due ali a chiudere, quando possibile.
In caso di palla che si muove da un lato all'altro, lo scivolamento spesso costringe a un'apertura delle maglie dei tre centrali ed è, attualmente, il vero tallone d'achille del Milan.
Gattuso ha impostato il proprio lavoro sulla sua qualità principale: il sacrificio. Non è un caso che si siano visti recuperi eccezionali da parte di Montolivo o Romagnoli durante le ultime partite.
Le lacune ci sono, ma una difesa più compatta e consapevole dei propri mezzi diventa un incredibile risorsa per tutta la squadra.
Tralasciando la parentesi Atalanta - squadra capace di concretizzare nel migliore dei modi le uniche tre azioni che riesce a creare durante un match, perché il Milan ha faticato a trovare le distanze tra i vari componenti della squadra - la cura Gattuso sta portando frutti importanti.
E' una questione di equilibrio: pretende che si verticalizzi maggiormente, ma allo stesso tempo che i laterali d'attacco ripieghino.


Libro per veri tifosi rossoneri

2.99

Suso che recupera la palla quasi all'altezza del calcio d'angolo dimostra che c'è applicazione a questi diktat, anche se un po' troppo a fasi alterne.
Servirebbe continuità, ma questa dipende molto dalla condizione fisica che non è delle migliori.
Al rientro dalle vacanze ci sarà una settimana per preparare il match di Cagliari e un'altra per la doppia sfida con la Lazio.
Molte delle energie verranno impiegate per la forma fisica, ma Gattuso ha intenzione di lavorare sulla tattica, perché la caratteristica principale del Milan di questi ultimi anni è stata la prevedibilità, e sorprendere gli avversari è un elemento importantissimo nel calcio moderno.
Tutte queste considerazione hanno un senso se la società non interviene sul mercato, perché è ovvio che l'innesto eventuale di qualche pedina potrebbe spostare l'equilibrio, ancora precario, della squadra.
 


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Finalmente Hakan!



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs