Si giocherà 3-4-3? Il credo del nuovo tecnico si basa su una solida fase difensiva

01/12/2017

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

Ringhio Gattuso è il nuovo allenatore del nostro Milan.
Nella sua carriera da allenatore, seppur non brillando particolarmente nelle sue precedenti esperienze, ha sempre dato un’impronta precisa alle sue squadre, lavorando intensamente sulla fase difensiva.
Durante l’esperienza al Pisa, per fare un esempio, la sua squadra ha subito 32 gol in 43 partite la prima stagione (conclusasi con la promozione in Serie B) e 36 reti in 42 partite nella stagione seguente (seconda miglior difesa del campionato cadetto nonostante la retrocessione).
Il segreto di questa solidità difensiva sta negli allenamenti metodici, fatti di intensità e nello studio attento delle situazioni da calcio da fermo.
E’ proprio qui che Gattuso si è dimostrato un abile stratega: nella stagione in Serie B infatti il Pisa ha segnato ben 11 gol su calcio piazzato (48% del totale) classificandosi secondo in questa graduatoria dietro alla Pro Vercelli.
Anche i numeri dei gol subiti su calcio piazzato sono positivi con 8 reti concesse da palla inattiva, meno di ogni altra squadra anche come percentuale sul totale (22%). Di contro deficitaria si è dimostrata la fase offensiva in generale che, con soli 23 reti fatte, si è posizionata all'ultimo posto tra gli attacchi della serie cadetta.
La differenza tra lui e Montella si vedrà e non sarà solo una questione di testa, intensità, cuore e grinta.
La veste tattica più simile a quella attuale, e che Gattuso conosce meglio, è il 3-4-3. Lo ha fatto giocare anche alla Primavera rossonera in questi tre mesi superando brillantemente le difficoltà iniziali.
Sii tratta di un modulo che gli consente di curare in maniera maniacale la fase difensiva e di sfruttare al meglio le caratteristiche di Suso e degli esterni a disposizione.
L’altra certezza è che, complice anche la qualificazione anticipata alla seconda fase dell’Europa League, Gattuso difficilmente sottoporrà la squadra a un continuo turnover di uomini e idee.
Nella sua breve esperienza di allenatore si è distinto come tecnico difensivista e che ama scegliere un gruppo su cui puntare e lavorare.
Gattuso è stato scelto anche per la sua fama di guerriero per il suo rapporto viscerale con i tifosi, gli stessi che ormai sopportavano a fatica il calcio e le parole di Montella.

Sberlapek



Maglia Stagione 2017/18 originale 68 euro

Sconto 18%


Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
Lacrime, sudore e sangue



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs