De Rossi: perché si Sembra fatto e finito per le esigenze della squadra rossonera

21/04/2017

Sommario di questa settimana

Sfoglia, usa mouse e frecce

Sembra ormai evidente che il primo acquisto di marca cinese del nuovo Milan dovrebbe essere il difensore centrale del Villareal, Mateo Musacchio, che già nella scorsa sessione di mercato estiva doveva finire in maglia milanista.
Non sarebbe un acquisto banale, bensì un'operazione importante, atta a testimoniare la credibilità delle intenzioni e dei progetti della cordata orientale. Un nome importante, un giocatore mediamente giovane ma già con buona esperienza internazionale.
Musacchio è un difensore centrale che sa impostare l'azione. Si tratta di un vero e proprio play difensivo che potrebbe consentire a Montella un inizio azione più pulito ed una qualità di manovra più alta. Insieme a Romagnoli formerebbe una coppia centrale ben assortita e di alto valore tecnico, aspetto non secondario oggi come oggi.
Tuttavia l'eventuale arrivo di Musacchio obbligherebbe Montella a ripensare il ruolo di play davanti alla difesa. Finora, in quest'annata, si sono alternati il giovane Locatelli e l'esperto Sosa. Giocatori bravi nel palleggio, meno nelle qualità in fase di interdizione.
Per tale ragione, stante l'aumento della qualità in fase di uscita della palla, credo che un profilo che porti grande fisicità nella posizione di play possa essere la soluzione ideale fermo restando il 4-3-3 come modulo base.
A tal proposito, il nome di De Rossi, in scadenza contrattuale con la Roma e più volte accostato al Milan nelle ultime ore, sembra fatto e finito per le esigenze della squadra rossonera.
Giocatore esperto (34 anni a luglio) ma ancora solido e non in declino dal punto di vista fisico date le 100 partite disputate con la maglia della Roma negli ultimi 3 anni (col dato stagionale ancora in evoluzione).
Il giocatore romano sarebbe ottimo per dare protezione e fisicità ad una linea difensiva che, nei progetti di Montella, potrebbe essere molto bella sul piano del palleggio, ma inconsciamente propensa a qualche sbavatura di troppo in situazioni di non possesso.
De Rossi sarebbe la lampadina dell'attenzione che si accende e che va a coprire i buchi lasciati da uno dei due centrali difensivi, nonché il giocatore con malizia ed abile ad avvertire i pericoli prim’ancora che essi ci siano.
In più, il numero 16 giallorosso ha due piedi nobili, con cui sa impostare e cambiare fronte del gioco con una naturalezza impressionante: non un mediano puro pertanto, ma un vero e proprio play completo.
Non sappiamo se le vie del mercato milanista porteranno in dote il mediano romano, ma l'idea di un De Rossi in maglia rossonera intriga parecchio e, sul piano pratico, sarebbe una soluzione molto intelligente ed acuta.

Capitan Uncino



Se ti è piaciuto, condividilo!

Leggi il prossimo articolo
La scheda dell’arbitro Gavillucci



Vai al Sommario del
Magazine di questa settimana

Leggi e sfoglia la miglior rassegna stampa rossonera: Milan7.it/rs